Le Mammelle di Tiresia e dieci poesie


Anno 2016
Peso 0.50 Kg
Formato 20 x 14 x 2
Pagine 248
ISBN 978899375089
Collana ARSENALE

INDICE

Guillaume Apollinaire e il suo dramma “sur-realista” (F. Locatelli) - I. La Partenza - Guillaume Apollinaire. Cenni biografici - II. All’Italia - III. Notte pisana - IV. La Zingara. LE MAMMELLE DI TIRESIA Prefazione - Personaggi - Prologo - Atto Primo - Atto Secondo V. Le nove porte del tuo corpo - VI. La ... poesia segreta - Creare non è rappresentare. Apollinaire e il padre Ubu (M. Verna) - VII. Saltimbanchi - VIII. Prima del cinema - Corpo ibrido – Teatro ibrido (M. Spreafico) - IX Stanze - Guillaume Apollinaire: teatro poesia, poesia-teatro (F. Locatelli) - X. L'Eremita - Bibliografia.

Read more

Di: Guillaume Apollinaire,

A cura di: Federica Locatelli

€ 22.00 € 18.70

Edizione Classica (EC)

Collana ARSENALE


Dall’inventore del termine “surrealismo” un’opera teatrale che ribalta i tradizionali ruoli sociali: che succede se non nascono più bambini e le donne preferiscono darsi alla carriera? Geniale anticipatore dei tempi, Apollinaire ci trascina lungo una provocatoria ed esilarante catena di assurdità.




ESTRATTO

PROLOGO Davanti al sipario abbassato, il direttore della Compagnia, in frac e con un bas- tone da trincea in mano, esce dalla buca del suggeritore. Scena unica il direttore della compagnia: Eccomi dunque tornato tra di voi Ho ritrovato la mia compagnia ardente Ho trovato anche un palcoscenico Ma è con dolore che ho ritrovato L’arte teatrale senza grandezza senza virtù Che uccideva le lunghe serate di prima della guerra Arte calunniosa e deleteria Che mostrava il peccato e non il redentore Poi è venuto il tempo il tempo degli uomini Io ho fatto la guerra come tutti gli uomini Era il tempo in cui ero nell’artiglieria Comandavo sul fronte del nord la mia batteria Una sera che nel cielo lo sguardo delle stelle Palpitava come lo sguardo di tanti neonati Mille razzi lanciati dalla trincea avversa Risvegliarono d’improvviso i cannoni nemici Me ne ricordo come se fosse successo ieri Li sentivo partire ma non arrivare Quando dall’osservatorio d’artiglieria Il trombettiere a cavallo venne ad annunciarci Che il maresciallo d’alloggio che puntava Laggiù sui bagliori dei cannoni nemici L’alidada del triangolo di mira faceva sapere Che la gittata di quei cannoni era talmente grande Che non si sentiva più nessuno scoppio E tutti i miei cannonieri vigili nelle loro postazioni Annunciarono che le stelle si spegnevano una ad una Poi si sentirono grandi grida levarsi nell’esercito SPENGONO LE STELLE A COLPI DI CANNONE

Read more